L'edificio come luogo di benessere

Isolanti termoacustici naturali

Troppo spesso ci si dimentica che il fine del costruire deve essere assicurare il benessere dell’uomo nella casa e nel luogo di lavoro.

E’ l’uomo infatti che abita, lavora, vive la costruzione e, se pur il suo stato di benessere è soggettivo e del tutto personale, sicuramente non è legato solo al raggiungimento di una temperatura, ma anche all’utilizzo di materiali naturali, esenti da sostanze nocive, che consentono un corretto scambio termico ed igrometrico tra l’ambiente interno e l’ambiente esterno e che, grazie alla loro inerzia termica, possano attenuare le fluttuazioni ed i picchi di temperatura esterna.

Non solo, ma materiali che assicurino anche il giusto benessere acustico (che comprende non solo l’isolamento, ma anche una corretta acustica architettonica degli ambienti), la tranquillità data dalla protezione antincendio ed infine garantiscano la durabilità e la costanza delle prestazioni nel tempo.

Fortunatamente gli sforzi congiunti di parte dei tecnici del settore, in particolare di coloro che si occupano di bioarchitettura, e della porzione più sensibile dell’industria, ampliano il consenso a questa visione ed influenzano gli altri tecnici, il mercato del privato e persino il committente pubblico, soprattutto nei settori ospedaliero, scolastico e dell’edilizia sociale.

Le resistenze si avvertono soprattutto a seguito del timore che queste tecnologie costruttive possano far lievitare il costo della costruzione. Quando però si pensi che l’isolamento termoacustico incide comunque per non più di poche unità percentuali sul costo globale, l’utilizzo di materiali tecnicamente avanzati e specifici non ha pratica influenza.

Anzi, l’applicazione di materiali in grado di assicurare contemporaneamente diverse prestazioni ed in particolare isolamento termico, acustico e protezione all’incendio, può consentire consistenti risparmi; per non parlare della durabilità che riduce drasticamente le spese di ripristino e manutenzione e perciò incide sul valore dell’immobile.

Tags: ,

Commenti chiusi.